yoga rieducativo posturale e ginnastica posturale

Yoga Rieducativo-posturale Yoga come rieducazione corporea e allineamento posturale, per ritrovare il benessere di un corpo bilanciato ed armonioso, la flessibilità e la giusta curvatura della colonna vertebrale, l’elasticità muscolare. Lo sportivo, ben sa cosa significa poter contare su un corpo che ti segue e mantiene la sua performance, anche nei momenti di maggior tensione ed impegno, mantenere o rendere gli arti più flessibili e diminuire i rischi di incidenti. D’altra parte per i non atleti ci sono molteplici benefici fisici, fisiologici e psicologici associati alla regolare pratica yoga: I benefici fisici includono l’aumento della flessibilità, una migliore postura ed equilibrio, il rafforzamento muscolare, una miglior resistenza muscolare, l’aumento del tono muscolare, il miglioramento della mobilità articolare e della flessibilità della spina dorsale. I benefici fisiologici includono il miglioramento della circolazione e dell’elasticità delle arterie, l’incremento della funzionalità del sistema endocrino, un metabolismo basale più veloce, l’aumento del consumo di ossigeno a livello cellulare, l’efficenca cardiovascolare, il miglioramento della digestione e un miglioramento della pressione sanguigna. Si potrà pensare che anche questi siano benefici fisici, ma se consideriamo la prospettiva nel lungo tempo e come il miglioramento di questi aspetti può permettere la diminuzione o addirittura l’eliminazione di molti farmaci, ( come ben sanno le persone che hanno grazie allo yoga praticato insieme a me, risolto i loro problemi di pressione), l’aspetto fisiologico diviene fondamentale e permette al corpo di liberarsi dalle droghe. L’alternanza di movimento e posture yoga, che sono alla base dello yoga rieducativo, possono anche essere utilizzate singolarmente o in gruppi come forma di routine, per alleviare problemi fisici e psicologici in abbinamento ad una respirazione profonda che decontrae le fascie muscolari, e che è altrettanto importante per la salute della schiena. Anche l’utilizzo di cuscini ad esempio sotto le ginocchia durante la fase di rilassamento finale, aiuta insieme ad altri accorgimenti come la flessione delle ginocchia in varie posture, a rendere indicata anche una normale pratica yoga, anche se non si segue un programma specifico di yoga rieducativo, che consiglio sempre a chi si trova in fase iniziale di rieducazione fisica ad esempio dopo un trauma e che esegue sequenze ad hoc, per il problema specifico. Lo yoga posturale è un antichissimo rimedio anche per altre problematiche oltre alla limitazione fisica; i più comuni sono l’incontinenza, la costipazione, l’asma, l’obesità, la diminuzione del sistema immunitario, l’osteoporosi, l’acne, l’emicrania e per la risoluzione di complicazioni psicologiche, da solo o abbinato a alcune sedute di coaching motivazionale, che permette alla persona di esprimere ed utilizzare appieno le proprie risorse nella situazione specifica. In realtà molti si accostano allo yoga proprio per risolvere problemi psicologici o emozionali. Secondo il saggio di Joan Harrington (1981) basato su studi scientifici una pratica regolare dello yoga è in grado di apportare grandi benefici mentali quali concentrazione, memoria, aumento del quoziente intellettivo, risoluzione della fragilità mentale, raggiungimento della calma, risoluzione allo stress, aumento della consapevolezza e fiducia in sè stessi. E’ anche possibile effettuare pratiche incentrate sulla risoluzione di problematiche precise quali la depressione, l’ansia, l’insonnia, la bulimia e la fatica mentale. Lo yoga è quindi utilizzato in modo efficace per trattare problemi fisici, fisiologici, psicologici ed emozionali. Molte delle persone che si avvicinano allo yoga per questioni fisiche, ben presto si accorgono anche dei benefici agli altri livelli. Questo perchè lo yoga tende all’unione tra corpo mente e spirito e parte dal presupposto che ogni malessere e malattia è dato da uno squilibrio dell’armonia di queste tre sfere. Così creando armonia nel corpo dolcemente ti rendi conto che anche la testa è più calma e chiara, che sei più concentrato e meno stressato ed il tuo umore migliora costantemente. Così allo stesso modo se ti sei accostato allo yoga per risolvere problematiche mentali od emozionali ti ritroverai con un corpo più forte, efficente ed elastico. Ed in entrambi i casi diventi più consapevole di te stesso ed entri in contatto con il tuo vero sè. E’ questa la bellezza della reciproca ed interattiva unione yogica che è meravigliosamente articolata da Godfrey Devereux. Così lo yoga unisce diversi aspetti di te stesso ed in questa unione ciascuno è potenziato ed amplificato dall’unione con le altri parti. Questo succede a molti livelli: E’ l’unione del movimento e del respiro, l’unione del sistema nervoso periferico e centrale, l’unione del corpo con la mente, l’unione di pensiero ed azione, l’unione tra desiderio ed intenzione. Questa unione può essere rappresentata anche nella diversa filosofia della cura di noi stessi che vi è tra Est ed Ovest. Infatti lo yoga, sempre più diffuso ed utilizzato a scopi terapeutici anche da noi in Europa, come già da molto negli USA, è il ponte di transizione tra le cure tradizionali e le cure olistiche e può essere utilizzato efficacemente da entrambi gli approcci medici.        La storia dello yoga rieducativo e sue applicazioni in campo medico Lo yoga rieducativo sorge con Desikachar come rieducazione da traumi e malattia debilitative. E’ disegnato per alleviare il dolore e promuovere la salute del corpo ed in particolare della schiena (parte alta, bassa e sacro), nonchè di fianchi, anche e addome, collo e spalle, arti inferiori e superiori, che sono strettamente connesse ed interdipendenti alla schiena.

Si sviluppa da un approccio medico alla funzionalità della struttura ossea, muscolare, tendinea e connettivale e tramite contrazioni e allungamenti dei muscoli interessati e di quelli agonisti ed antagonisti permette un dolce recupero della funzionalità articolare e lo scomparire del dolore. In caso di dolore acuto o cronico è bene che la terapia venga seguita da un medico specialista e da un insegnante yoga esperto. Negli altri casi è molto utile anche come routine quotidiana da eseguire a casa. E’ molto utile anche come approccio preventivo od in una fase di buon recupero funzionale di tutti i problemi della colonna vertebrale, delle spalle e degli arti. In questo caso alla pratica meramente riabilitativa, si aggiungono progressivamente esercizi di flessibilità, tonificazione e condizionamento muscolare, nonchè pratiche più avanzate di respirazione e delle semplici sequenze di asana, per aumentare la risposta muscolare.

 

I commenti sono chiusi.