Chi SEI VS Cosa FAI

Quando teniamo veramente a ciò che facciamo vogliamo DARE QUALITA’, dare un servizio ottimale, soddisfare il cliente, fare bene.
Questa è una terminologia che possiamo utilizzare non solo nel mondo del lavoro, ma anche a casa, in famiglia, con gli amici.

Siamo così impegnati nel fare e fare quello che è giusto, che spesso dimentichiamo di alcune cose.

Oggi vi parlo di quella che ritengo la più importante e cioè ESSERE.

Siamo così impegnati a fare che dimentichiamo di essere.

Siamo così rivolti fuori di noi a compiere qualcosa, che dimentichiamo di portare attenzione a chi siamo in quel momento.

E questo ci impedisce di avere il risultato ottimale. Perché?
Perché chi sei influisce in maniera determinante. Quanto? Di media l’80%.

Si l’80% del tuo risultato dipende da chi sei, chi credi di essere e come vieni percepito.

Chi sei quando incontri il tuo cliente, chi sei quando fai quella trattativa, chi sei quando fai una proposta e parli con qualcuno, è fondamentale.

Cosa intendi con chi sei?
Intendo quanto sei credibile, affidabile o professionale, quanto la persona crede che stai facendo il suo o anche il suo interesse, come la fai sentire, come ti senti tu, quanto tu ti senti professionale ed attendibile, quanto ci credi davvero.

Si quanto ci credi davvero, perché se non ci credi tu, non potrà mai farlo l’altro.

Se tu non ti senti al tuo meglio, l’altro non potrà farlo. Non è detto che lo faccia in ogni caso, in quanto la percezione dell’altro è diversa dalla tua, ma sicuramente se tu non “stai bene nella tua pelle, l’altro difficilmente potrà percepirti come autentico.

Il tuo prodotto o servizio ( anche in senso lato) potrà essere il migliore del mondo, ma se non vendi prima te stesso, non potrai fare presa sull’altro.

Pensa che se aumenti il 10% chi sei nella trattativa, stai lavorando su un 80%, che diventerà 88%.
Se aumenti  il 10% del tuo prodotto, lavori su un 20% che diventerà 22%.

Quindi se devi investire, investi su chi sei tu, chi sono i tuoi collaboratori, investi nelle risorse umane.

Inizia facendoti qualche domanda come:
Chi sono?
Chi sono quando sono al mio meglio?
Quali sono le mie qualità vincenti?
Dov’è la differenza tra dove sono adesso e dove voglio essere?
Cosa devo colmare?
Cosa devo smettere?
Cosa devo iniziare o fare di più?

Se mi mandi le tue risposte, ti do una mano rispondendo a qualche dubbio o domanda che puoi avere.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

© 2019 Design by Arti Grafiche Spilimbergo

 

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account